Anfizione

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando Lega anfizionica, vedi Anfizionia.

Anfizione (/æmˈfɪkti.ɒn/; in greco antico: Ἀμφικτυών), nella mitologia greca è il secondo figlio di Deucalione e Pirra[1], nonostante ci sia anche una tradizione che lo indica come autoctono (nato dalla terra)[2]; è anche descritto come figlio di Elleno, figlio di Deucalione e Pirra[3].

Biografia

Anfizione era re delle Termopili e sposò una figlia di Cranao di Atene[4]. Secondo alcuni resoconti questa figlia si chiamava Atti, nonostante ciò entri in conflitto con altre fonti che quest'ultima morì giovane e vergine non sposata[5].

Anfizione in seguito depose Cranao, proclamandosi re di Atene all'epoca conosciuta come Cecropia, (dopo il semiumano Cecrope e Cranao, il suocero deposto), su cui avrebbe regnato tra il 1497 a.C. e il 1487 a.C.[2][4][6] È ricordato anche come capostipite delle genti greche assieme ad Elleno. Salito al trono, cambiò il nome della città in Atene, in onore della dea Atena

Anfizione ebbe un figlio, Itono, che a sua volta divenne padre di Boeto, Iodame e Cromia da Melanippe[7][8][9]. Ebbe anche una figlia, mai menzionata per nome, che divenne la madre di Cercione, figlio di Poseidone, e di Trittolemo, figlio di Raro[10]. Taluni aggiungono che Anfizione ebbe un altro figlio, Pisco, da Ctonopatra[11]; altri, al contrario, sostengono che Fisco fu nipote di Anfizione e figlio di Etolo[12].

Anfizione regnò su Atene per dieci o, secondo altre fonti, dodici anni e fondò la Lega anfizionica, che nell'antichità si riuniva per tradizione alle Termopili[13][14]. Si pensava che, durante il suo regno, Dioniso avesse visitato Anfizione ad Atene e gli avesse insegnato come diluire il vino con l'acqua nelle giuste proporzioni[15]. Anfizione fu deposto da Erittonio, un altro re autoctono di Atene[2].

Note

  1. Pseudo-Apollodoro, 1. 7. 2, in Biblioteca.
  2. 2,0 2,1 2,2 Pseudo-Apollodoro, 3. 14. 6, in Biblioteca (Pseudo-Apollodoro).
  3. Smith, citando Dionigi di Alicarnasso
  4. 4,0 4,1 Pausania, 1. 2. 6, in Descrizione della Grecia.
  5. Pseudo-Apollodoro, 3. 14. 5, in Biblioteca (Pseudo-Apollodoro).
  6. Secondo la datazione tratta dalla Παντοδαπῇ ἱστορἱα (Storia universale) di Eusebio di Cesarea.
  7. capitolo)9. 1.1. e 9. 34. 1 Pausania, Descrizione della Grecia.
  8. Giovanni Tzetzes riguardo a Licofrone, 1206
  9. Pausania, 5. 1. 4, in Descrizione della Grecia.
  10. Pausania, 1. 14. 3, in Descrizione della Grecia.
  11. Eustazio su Omero, p. 277
  12. Stefano di Bisanzio, Physkos.
  13. Pausania, 10. 8. 1, in Descrizione della Grecia.
  14. Dionigi di Alicarnasso, 4. 25. 3, in Antichità.
  15. Eustazio su Omero, p. 1815

Voci correlate

Predecessore Re di Atene Successore

<tr>

Cranao 1497 a.C. - 1487 a.C. Erittonio

</tr>Errore Lua in Modulo:String alla linea 892: attempt to call local 'str' (a table value).

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Esopedia che trattano di mitologia greca