Marco Antonio Polemone

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Marco Antonio Polemone

Marco Antonio Polemone (in latino: Marcus Antonius Polemon; in greco: Μάρκος Αντώνιος Πολέμων; Laodicea al Lico, 88 – Roma, 144) è stato un filosofo greco antico, sofista della cosiddetta Seconda Sofistica, della quale fecero parte Dione di Prusa, Erode Attico, Publio Elio Aristide, Luciano di Samosata e Favorino, suo grande rivale.


Nato in Frigia (oggi facente parte della Turchia) da famiglia di rango consolare, trascorse gran parte della propria vita a Smirne (che si trova sempre nella Penisola anatolica), dalla cui cittadinanza (societas in Latino) fu insignito di grandi onori civili, soprattutto per le sue vaste conoscenze della Retorica, che lo portarono a godere del favore degli imperatori Traiano, Adriano e Antonino Pio, nonostante il suo carattere molto arrogante e riservato, che causò con quest'ultimo un durevole dissapore; in onore di Adriano, che aveva fatto erigere un tempio a Giove/Zeus ad Olimpia, scrisse un'orazione. Sappiamo che scrisse molte altre orazioni, ma della sua opera ci è pervenuta solo una piccola parte, costituita dalle orazioni in onore dei caduti nella Battaglia di Maratona (490 a.C.) intitolate Epitaffi.