Pesci (astrologia)

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.

Template:Segno zodiacale

Pesci rappresentati in un libro di astrologia del XV secolo

Secondo l'astrologia occidentale, i Pesci sono un segno zodiacale mobile e d'acqua, governato dai pianeti Nettuno e Giove, quest'ultimo in qualità di co-governatore. In questo segno Venere si trova in esaltazione, Mercurio in esilio, Urano in caduta. È opposto al segno della Vergine.

Il metallo associato al segno è lo stagno, le pietre sono il quarzo ialino e l'ametista, il fiore è il glicine.

Secondo l'astrologia occidentale le persone con posizioni di rilievo in questo segno zodiacale sono creative, sognatrici e idealiste, in base alle caratteristiche del pianeta Nettuno, che governa il segno. Naturalmente portate a lasciarsi assorbire in dimensioni mistiche, tendono a cercare la stabilità affettiva e lavorativa come una forma di contrappeso alla loro instabilità emotiva. Il loro universo interiore di creature acquatiche e complesse (quello dei Pesci è infatti l'ultimo segno dello zodiaco) resta tuttavia inafferrabile e, in particolare, si mantiene refrattario all'indagine razionale. Solitamente dotati di senso artistico, possiedono soprattutto una spiccata sensibilità per la musica.

L'instabilità emotiva è raffigurata nell'iconografia del segno. Due pesci legati reciprocamente, dove uno punta verso il basso del fondo e del buio, mentre l'altro punta verso l'alto e la luce. A volte prende il sopravvento uno, a volte l'altro.

Il Sole si può trovare nel segno dei Pesci circa nel periodo che va dal 20 febbraio al 20 marzo[1]. Il periodo esatto varia di anno in anno e per stabilire la sua posizione nei giorni estremi è necessario consultare le effemeridi.

Note

  1. pesci su Treccani online.

Voci correlate

Altri progetti

Astrologia Portale Astrologia: accedi alle voci di Esopedia che trattano di astrologia
6-3-1973