Template:Portale:Neopaganesimo/Pentacolo

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Pentacle 3.svg
Il pentacolo è l'emblema più in uso presso i movimenti spirituali neopagani. Simbolo originariamente appartenente al culto di Afrodite, venne demonizzato durante la diffusione del Cristianesimo il quale lo associò alla figura di Satana. Fu essenzialmente per questa associazione che il pentacolo venne utilizzato, in particolare nella sua forma ribaltata, dalle religioni misteriche del Novecento. Oggi il simbolo è divenuto centrale nel Neopaganesimo per i suoi complessi significati esoterici, legati in particolare alla visione del mondo teologica e cosmologica. Il pentacolo simboleggia infatti una riproduzione in miniatura del cosmo, in cui il disegno tracciato dalle linee del pentagramma sta a rappresentare l'evoluzione e manifestazione delle forze divine, che fluiscono nell'universo. Il pentacolo simboleggia l'eterna creazione, ovvero l'origine di tutti quei processi alla base della natura generati dal teorema universale che costituisce tutte le cose. Il cerchio nel quale è inscritto il pentagramma sta a simbolizzare l'eternità e l'infinitezza, mentre nell'intero sistema a cinque punte è individuabile la figura dell'essere umano, valorizzato come nelle filosofie umanistiche e illuministiche. L'uomo è infatti concepito dal Neopaganesimo come padrone di se stesso e parte della natura.