Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Wāw (lettera)

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Jump to navigation Jump to search

Wāw è la ventisettesima lettera dell'alfabeto arabo. Nella numerazione abjad essa ha il valore 6 (questa numerazione si basa infatti sull'antico ordine delle lettere nell'alfabeto semitico nordoccidentale, dove per l'appunto waw era la sesta lettera).

Origine

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'alfabeto arabo.

Questa lettera deriva secondo alcuni da 06 waw.svg dell'alfabeto nabateo, secondo altri da ܘ dell'alfabeto siriaco. In ogni caso deriva da waw dell'alfabeto aramaico (Waw.svg), che nacque dalla waw dell'alfabeto fenicio (Phoenician waw.png), generata dalla waw dell'alfabeto proto-cananeo (Proto-Canaanite letter waw.svg).

Fonetica

Foneticamente corrisponde alla approssimante labiovelare sonora ([w]) ed alla vocale chiusa posteriore arrotondata lunga ([u:]).

Scrittura e traslitterazione

Wāw viene scritta in varie forme in funzione della sua posizione all'interno di una parola. Essa, tuttavia, rientra nel gruppo delle lettere che non possono legarsi alla loro sinistra, per cui le forme iniziale e intermedia sono rispettivamente uguali alle forme isolata e finale:

Forma isolata Forma iniziale Forma intermedia Forma finale
… ﻭ … ﻮ… ﻮ…

Nella traslitterazione dall'arabo è comunemente associata a w. Essa può assumere una doppia tipologia fonetica:

  • consonante ([w]), quando è posta all'inizio di una parola, quando è seguita da una vocale breve o dal sukun (che indica l'assenza di vocali brevi).
  • vocale ([u:]), negli altri casi.

Come vocale, può essere di appoggio alla hamza: ؤ.

Sintassi

Wāw è una lettera lunare. Ciò significa che quando ad una parola che inizia con questa lettera bisogna anteporre l'articolo determinativo (ال alif-lām, al), esso non subirà alcuna modifica. Ad esempio وزير (wazīr, ministro) diventa الوزير (al-wazīr, il ministro) e si pronuncia [alwazi:r]. La lettera wāw da sola trascrive in arabo la congiunzione wa, che ha diversi significati: il più comune è quello di congiungere due frasi o termini, come la e in lingua italiana; può essere, tuttavia, anche utilizzata con valore avversativo, ad esempio ولكن wa-lakin, che significa ma (disgiunzione). Un'altra funzione che può assumere è quella di introdurre una formula di giuramento, quando precede un nome di elevata importanza per colui che parla. In questo senso è molto spesso usato nel Corano: والله wallah, per Allah o giuro su Allah.

Alfabeto arabo
ص
ṣād
ش
šīn
س
sīn
ز
zāy
ر
rāʼ
ذ
ḏāl
د
dāl
خ
ḫāʾ
ح
ḥāʾ
ج
ǧīm
ث
ṯāʼ
ت
tāʼ
ب
bāʼ
ا
ʾalif
ي
yāʼ
و
wāw
ه
hāʼ
ن
nūn
م
mīm
ل
lām
ك
kāf
ق
qāf
ف
غ
ġayn
ع
ʿayn
ظ
ẓāʼ
ط
ṭāʼ
ض
ḍād
Lettere aggiuntive: ة
tāʼ marbūṭa
لا
lāmalif
ء
hamza
traslitterazione dall'arabo
storia dell'alfabeto arabo
Segni diacritici (arakāt): َ
fatḥa
ِ
kasra
ُ
ḍamma
ّ
shadda
ْ
sukun
numerazione abjad
calligrafia islamica