Antipatro di Tarso

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.

Antipatro di Tarso (in greco Ἀντίπατρος ; II secolo a.C. – ...) è stato un filosofo greco antico stoico.


Biografia

Discepolo e successore di Diogene, fu maestro di Panezio intorno al 144 a.C. (Cic. de Divin. 1.3, de Off. 3.12). Plutarco lo cita insieme a Zenone, Cleante e Crisippo come uno dei principali filosofi stoici (de Stoic. Repugnant. p. 144) e Cicerone lo ricorda per la sua acutezza (De Off. 3.12). Della sua vita personale non si sa nulla.

Pensiero e opere

Secondo le testimonianze degli autori antichi (Plut. Mor. p. 514d.; Euseb. de Praep. Evang. 14.8.), Antipatro prese parte alle dispute filosofiche tra la sua scuola e l'Accademia ma, sentendosi inferiore al contemporaneo Carneade nel dibattito in pubblico, decise di proseguire la polemica soltanto per iscritto; per questo fu soprannominato καλαμοβόας ("strepitante con la penna").

Fu autore di un trattato Sugli dei in cui affermava di credere in un dio "benedetto, incorruttibile e benigno verso gli uomini" e biasimava coloro che attribuivano alle divinità "la generazione e la corruzione", dottrina attribuita a Crisippo (Plut. de Stoic. Rep. p. 192).

Scrisse inoltre due libri sulla divinazione, in cui affermava la validità di questa pratica giustificandola con la preveggenza e la benevolenza della divinità, interpretava i sogni come visioni soprannaturali del futuro e raccoglieva storie di divinazione attribuite a Socrate (Cic. de Divin. 1.3, 20, 39, 54).

Secondo le fonti (Stob. de Fato, 16), riteneva che il fato fosse una divinità; Ateneo (VIII p. 346) gli attribuisce un trattato intitolato Περὶ Δεισιδαιμονίας (Sul timore degli dei).

Bibliografia

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Esopedia che trattano di filosofia