Barone di Tschudy

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.

Biografia

Claude Henry Theodor Barone di Tschudy

Claude Henry Theodor Barone di Tschudy (Metz in Francia, 21 agosto 1724 – Parigi, 1769) è stato un massone, alchimista ed ermetista francese.


il Barone di Tschudy apparteneva ad una Nobile famiglia originaria della Svizzera. Suo padre era Consigliere del Parlamento di Metz, capitale dell’Alsazia. E' stato un Ermetista attivo nel Cerchio Interno della Loggia Napoletana La Perfetta Unione noto come "Rosa d'Ordine Magno" [1], creato da Don Raimondo di Sangro Principe di San Severo, con preciso intento di custodire e trasmettere gli Arcana Arcanorum, sviluppati oltre il sistema degli Alti Gradi Massonici. Il Barone di Tschudy fu Discepolo diretto del Gran Maestro Don Raimondo, che trasmise a lui, a suo figlio Don Vincenzo di Sangro e a Don Paolo d'Aquino Principe di Palena, gli insegnamenti Ermetici ed Alchemici, che aveva codificato per il suo ristretto "Cenacolo Iniziatico" [2]. Il giovane Barone giunse nella Capitale del Regno a soli 17 anni in qualità di cadetto nel reggimento Svizzero di stanza a Napoli, il cui comando era stato affidato allo zio. Fu iniziato alla Massoneria in una Loggia Militare attiva nel suo reggimento, che praticava il Rito Scozzese. Il suo percorso Latomistico, lo vide affiliato alla Loggia Perfetta Unione, nel 1745 ove direttamente il Principe di San Severo, lo volle come Discepolo, ricoprendone in quella Loggia la Dignità di Maestro Venerabile dal 1744.[3] Nel 1751 divenne Maestro Venerabile della sua futura Loggia a soli 27 anni. Raimondo di Sangro divenne il Mentore ed il Maestro del Tschudy, ed i suoi insegnamenti, furono da guida per il futuro Cammino del Barone, che nel scrisse l'importante testo Ermentico, Il Catechismo Ermetico Massonico della Stella Fiammeggiante, scritto pare nel 1754 e pubblicato nel 1766 [4].Dopo le persecuzioni antimassoniche poste in essere dal Ministro Tanucci a Napoli a seguito della enciclica di Papa Lambertini (Benedetto XIV), il Barone de Tschudy dovette infatti fuggire e cercare rifugio e protezione per nascondersi nel Feudo Pugliese di Torremaggiore di Don Raimondo di Sangro per poi a seguire dover abbandonare l'Italia. Si recò in Olanda e poi in Russia, altre Notizie della sua intensa attività Massonica si riscontrano nell'anno 1760, ove nella Capitale San Pietroburgo ricoprì l'incarico di Oratore in una Loggia che gemmava in Russia sotto la protezione della Zarina Caterina II. Il Barone di Tschudy, rientrò in Francia ove il suo pensiero e le sue Opere favorirono la Genesi del Rito Scozzese. Creò un rito Cavalleresco di ispirazione fortemente Rosacruciano. Nel 1766 creò un ordine Ermetico che chiamò "Ordre de l'Etoile Flambyante", nel quale trasfuse gli insegnamenti Ermetici ricevuti dal Principe di San Severo. L'Ordine fortemente operativo e Teurgico era suddiviso in tre Gradi Apprendista, Compagno, Professo o Filosofo. Venne anche conosciuto come Ordine dei Filosofi Incogniti che si rifaceva al pensiero del Sandivogius.[5] Ritornò nelle terre natie della Francia, stabilendosi prima a Marsiglia, ove entrò in stretto ocntatto con il monaco Alchimista Antoine Joseph Pernety, conoscuto negli ambienti Ermetici con lo jeronimo Dom Pernety. [6] Successivamente giunse a Parigi dove passò all'Oriente Eterno nel 1769.

Titoli

  • Barone di Tschudy

Note

  1. Domenico Vittorio Ripa Montesano, "Raimondo di Sangro Principe di San Severo primo Gran Maestro del Rito Egizio Tradizionale" . Ed. Riservata Napoli 2011
  2. Archivi Storici del Rito Egizio Tradizionale Sovrano Gran Santuario di Heliopolis sedente in Napoli-Edizione Riservata Napoli 1911
  3. Archivi Storici del Rito Egizio Tradizionale Sovrano Gran Santuario di Heliopolis sedente in Napoli-Edizione Riservata Napoli 1911
  4. nell'opera il Tschudy riporta una Allocuzione tenuta in Loggia dal suo Maestro il Principe di Sangro, in occasione di una iniziazione al Grado di Apprendista
  5. il Sandivogius Alchimista Rosacruciano del creò la Societé des Philosophes Inconnus
  6. Joanny Bricaud, Les Illuminés d'Avignon. Étude sur Dom Pernety et son Groupe, Paris, Librairie Critique Emile Nourry, 1927.

Bibliografia

  • Claude Henry Theodor Barone di Tschudy, Il Catechismo Ermetico Massonico della Stella Fiammeggiante del Barone di Tschudy Edizioni Atanor 1984
  • Baron de Tschudy, l'Etoile Flambyante ou la Société des Francs-Maçons considérée sous tous les aspects. Tome Premier et Second, Gutenberg Print 2006
  • Henry Theodor de Tschudy, Rituel des grades alchimiques du Baron de Tschud, prèfacé, remis en forme et en clair par Jean Solis, Cadix. Ed. de la Hutete 2009

Voci correlate

Collegamenti esterni


Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Esopedia che trattano di Biografie