Cratete di Tebe

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Versione del 17 dic 2013 alle 13:51 di WikiSysop (Discussione | contributi) (una revisione importata)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cratete.
Errore nella creazione della miniatura:
Cratete di Tebe in un dipinto della Villa Farnesina

Cratete di Tebe (368 a.C. circa – 288 a.C. circa) è stato un filosofo greco antico, era uno dei cinici e fu maestro di Zenone di Cizio. Era originario di Tebe e fu allievo di Diogene di Sinope.


Si dice che perse la sua fortuna durante l'invasione macedone, ma secondo una versione più probabile la sacrificò, in accordo con i suoi princìpi, ordinando all'amministratore a cui l'aveva affidata di darla ai suoi figli se si fossero dimostrati degli stolti, ai poveri se i suoi figli si fossero dimostrati filosofi.

Dedicò la sua vita al raggiungimento della virtù e alla divulgazione dell'autocontrollo ascetico. La sua abitudine di entrare nelle case senza invito, per dispensare i suoi insegnamenti, gli fece guadagnare il soprannome di "Apriporta". Il suo matrimonio con Ipparchia, figlia di una ricca famiglia Tracia, fu curiosamente in contrasto con il suo tipo di vita. Attratta dalla nobiltà del suo carattere, sprezzante della sua bruttezza e della sua povertà, ella volle diventare sua moglie nonostante gli ordini del padre. La data della sua morte non è nota, ma visse nel IV secolo a.C.

I suoi scritti non furono molti. Secondo Diogene Laerzio, fu l'autore di lettere di materia filosofica, tuttavia quelle giunte fino a noi firmate da Cratete non sono originali ma lavoro di retorici più tardi. Diogene Laerzio gli attribuisce anche una breve poesia e numerose tragedie filosofiche. La vita di Cratete scritta da Plutarco è stata perduta. La grande importanza del lavoro di Cratete sta nel fatto che funge da collegamento tra il Cinismo e lo Stoicismo, poiché Zenone di Cizio fu suo allievo.

Template:Filosofi cinici