Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Emor

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.

Emor (ebraico: אֱמֹר — tradotto in italiano: "dì/parla", quinta parola e incipit di questa parashah) 31ª porzione settimanale della Torah (ebr. פָּרָשָׁה – parashah o anche parsha/parscià) nel ciclo annuale ebraico di letture bibliche dal Pentateuco, ottava nel Libro del Levitico. Rappresenta il passo 21:1-24:23 di Levitico, che gli ebrei leggono generalmente alla fine di aprile o ai primi di maggio. Le congregazioni ebraiche inoltre leggono parti della parshah, Levitico 22:26-23:44, quali letture iniziali della Torah nel secondo giorno di Pesach e nel primo e secondo giorno di Sukkot.

La parashah fornisce le regole di purezza per i sacerdoti, illustra le Festività ebraiche, dà istruzioni sulle luci e sul pane del santuario, e narra la storia del bestemmiatore e della sua punizione.

Il bestemmiatore (inchiostro e acquerello di William Blake, 1800 ca.)

Riassunto

Regole per i sacerdoti

Festività

Luci e pane nel santuario

Un bestemmiatore

Interpretazione intrabiblica

Levitico capitolo 21

Contaminazione da cadavere

Levitico capitolo 23

Pesach

Shavuot

Rosh haShanah

Yom Kippur

Sukkot

Interpretazione rabbinica classica

Comandamenti

Nella liturgia

Haftarah

La haftarah della parshah è Ezechiele 44:15-31.

Riferimenti

La parshah ha paralleli o viene discussa nelle seguenti fonti (EN) (HE) (IT) (DE) :

Biblici

Antichi

Non rabbinici

Rabbinici classici

Medievali

Moderni

Collegamenti esterni

(EN) (HE) (IT) (YI)

Testi

Commentari

Old book bindings.jpg


Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Esopedia che trattano di Ebraismo