Meridiano (geografia)

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.

In geografia, per meridiano si intende una qualsiasi circonferenza massima ottenuta dall'intersezione tra la superficie della Terra (o di un generico corpo celeste) e un ipotetico piano passante per l'asse terrestre (o, in generale, per l'asse di rotazione del corpo). Più precisamente, tale circonferenza massima si compone di due meridiani diametralmente opposti (meridiano e antimeridiano).

Esistono infiniti meridiani e per ogni punto della superficie di un corpo celeste (ad eccezione dei poli) passa uno e un solo meridiano, identificabile dalla longitudine corrispondente; sulla Terra, la longitudine è convenzionalmente misurata come distanza angolare dal meridiano fondamentale di Greenwich (presso Londra).

La prima misura del meridiano terrestre può essere fatta risalire ad Eratostene di Cirene.

Il termine "meridiano" deriva dal latino meridies, che significa "mezzogiorno"; il Sole attraversa un dato meridiano terrestre a metà del periodo di tempo che va dall'alba al tramonto.

I meridiani hanno uguale lunghezza e tutti passano per i due poli.

Voci correlate