Minosse (dialogo)

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Minosse
Titolo originaleΜίνως
Altri titoliSulla legge
Inferno Canto 5 line 4 Minos.jpg
Minosse raffigurato da Gustave Doré
Autoreignoto
1ª ed. originaleIV secolo a.C.
Generedialogo
Sottogenerefilosofico
Lingua originaleErrore Lua in Modulo:String alla linea 892: attempt to call local 'str' (a table value).
PersonaggiSocrate, un amico
SerieDialoghi platonici, IX tetralogia

Il Minosse (in greco Μίνως) è un breve dialogo inserito da Trasillo nella IX tetralogia di Platone, la cui autenticità è però controversa e solitamente negata dagli studiosi moderni. In particolare, la somiglianza stilistica con l’Ipparco farebbe pensare che i due dialoghi siano stati scritti da uno stesso autore, diverso da Platone, attorno al 350 a.C.[1]


Contenuto

L’incipit del dialogo è diretto, e vede Socrate domandare subito al suo anonimo amico che cosa sia la legge. L’amico risponde inizialmente che la legge è «ciò che è stato stabilito» (313a) in quanto «atto deliberativo dello Stato» (314c). Socrate però osserva che le deliberazioni possono essere buone o cattive, mentre per quanto riguarda la legge, essa stabilisce cosa è giusto e non può quindi essere cattiva; d’altra parte, la legge sembra essere un’opinione – ma se è un’opinione, non può essere che opinione vera. La legge è dunque «scoperta della realtà» (315a-b).

L’amico a questo punto obietta che nei diversi popoli esistono leggi differenti e tra di loro contraddittorie: come è possibile ciò, se la legge è scoperta della verità? Semplicemente, risponde Socrate, la legge è tale se è opera di un buon legislatore, il quale possiede la competenza necessaria. Esempi di buoni legislatori sono Minosse e Radamante, i quali hanno appreso la giustizia direttamente da Zeus (318e-320d).

Note

  1. Platone, Tutti le opere, a cura di E.V. Maltese, Roma 2009, p. 2319.
Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Esopedia che trattano di Filosofia