Misteri eleusini

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Placca votiva in terracotta ritrovata al santuario di Eleusi (IV secolo a.C.).

I misteri eleusini erano riti religiosi misterici che si celebravano ogni anno nel santuario di Demetra nell’antica città greca di Eleusi.

I riti erano in parte dedicati anche alla figlia di Demetra, Persefone, poiché l’alternarsi delle stagioni ricordava l’alternarsi dei periodi che Persefone trascorreva sulla terra e nell’Ade.

I riti, le cerimonie e le credenze erano rappresentazioni religiose aperte a tutti, anche agli schiavi, purché di lingua greca.


Origine e diffusione

I riti eleusini erano antichissimi, si svolgevano già prima dell’invasione ellenica (periodo miceneo, circa 1600-1100 a.C.).

Secondo alcuni studiosi il culto di Demetra fu fondato nel 1550 a.C.[1]

Quando, nel VII secolo a.C. Eleusi diventò parte dello Stato ateniese, i riti si estesero a tutta la Grecia antica e alle sue colonie. Ebbero larga diffusione anche a Roma.


Contenuti

I misteri rappresentavano il mito del ratto di Persefone, strappata alla madre Demetra dal re degli Inferi, Ade, in un ciclo di tre fasi, la "discesa" (la perdita), la "ricerca" e l'ascesa, dove il tema principale era la "ricerca" di Persefone e il suo ricongiungimento con la madre.

Il rito era diviso in due parti: la prima, piccoli misteri, era una specie di purificazione che si svolgeva in primavera nel mese di Antesterione, la seconda, grandi misteri, era un momento consacratorio e si svolgeva in autunno nel mese di Boedromione (settembre-ottobre). [2]

La cerimonia voleva rappresentare il riposo e il risveglio perenne della vita.

Poiché i Misteri comprendevano visioni e invocazioni a una vita oltre la morte, alcuni studiosi ritengono che il potere e la longevità dei Misteri Eleusini derivasse da agenti psichedelici, collegati all'utilizzo di pane a base di segala cornuta, cioè segala contaminata dal fungo claviceps purpurea.[3][4][5]

Mircea Eliade scrive [6]:"Il primo giorno la festa si svolgeva nell'Eleusinion di Atene, ove il giorno prima erano stati solennemente trasportati da Eleusi gli oggetti sacri (hiera) . Il secondo giorno la processione si dirigeva verso il mare. Ogni aspirante all'iniziazione, accompagnato da un tutore, portava con sé un porcellino che lavava nelle onde e sacrificava al ritorno ad Atene. Il giorno successivo, alla presenza dei rappresentanti del popolo ateniese e delle altre città, l'Arconte Basileus e la sua sposa eseguivano il grande sacrificio. Il quinto giorno segnava il momento culminante delle cerimonie pubbliche. Un'enorme processione partiva all'alba da Atene. I neofiti, i loro tutori e numerosi Ateniesi accompagnavano le sacerdotesse che riportavano ad Eleusi gli hiera. Verso la fine del pomeriggio la processione attraversava un ponte sul Kephisios, e là uomini mascherati lanciavano insulti contro i cittadini più importanti. Al calare della sera, con torce accese, i pellegrini entravano nel cortile esterno del santuario. Una parte della notte era dedicata alle danze e ai canti in onore delle dee. Il giorno successivo gli aspiranti all'iniziazione digiunavano ed offrivano sacrifici; circa i riti segreti (le teletes) possiamo, però, soltanto avanzare alcune ipotesi. Le cerimonie che si svolgevano all'esterno e all'interno del telesterion si riferivano probabilmente al mito delle due dee. Si sa che gli iniziandi, con le torce in mano, imitavano Demetra vagante con fiaccole alla ricerca di Kore. [7]

Clemente Alessandrino (Protrettico II, 21, 2) ci ha tramandato la formula sacra dei misteri:"Ho digiunato; ho bevuto il ciceone; ho preso nel cesto e, dopo averlo maneggiato, ho deposto nel cesto, poi, riprendendo dal cesto, ho riposto nel cesto". Probabilmente il paniere rituale simboleggiava il mondo infero e l'iniziando, scoprendolo, scendeva agli Inferi. A seguito di questa misteriosa manipolazione degli oggetti sacri, l'iniziato era nato di nuovo e si considerava da ora in avanti come adottato dalla dea. [8] I misteri eleusini, come l'orfismo e i misteri dionisiaci, hanno le loro remote radici nella protostoria, da tradizioni cretesi, asiatiche, traci, arricchite ed integrate in un nuovo orizzonte religioso. [9]


Interpretazione esoterica

Il Tempo del Quaternario dà maturazione

In Egitto le stagioni erano tre, collegate alle inondazioni del Nilo, alle levate eliache e all'anno lunare:

  • 1a stagione (Akhet): Autunno, il tempo dell'inondazione;
  • 2a stagione (Peret): Inverno, il tempo della semina;
  • 3a stagione (Shemu): Estate, il raccolto.

Le stagioni nella Grecia classica erano quattro, ma ai tempi di Esiodo (VIII sec. a.C.) le stagioni erano ancora calcolate facendo riferimento alla levata eliaca (cioe’ al sorgere dell’alba) degli astri e al moto apparente delle costellazioni:


« Al levar delle Pleiadi, figlie di Atlante, iniziate la mietitura [Estate], al tramonto [Autunno] l’aratura, esse restano nascoste quaranta notti ma, nel prosieguo dell’anno riappaiono non appena si affila il ferro. Questa è la legge dei campi, sia per chi vive vicino al mare sia per chi abita una grassa terra lungi dai frutti spumeggianti, in vallate scoscese. Semina nudo, ara nudo, nudo mieti, se vuoi portare a termine nel loro tempo tutti i lavori di Demetra; perché ogni frutto cresca a suo tempo.


Ciò indica come ci siano dei tempi da rispettare: solo così dal seme può nascere il frutto.

L’aratura è la preparazione del terreno, che contiene dunque in sé tutte le potenzialità (negative) per poter essere fecondate dal seme con un atto positivo.

L’inizio del lavoro è importante: se la mietitura va fatta l’estate, l’aratura del terreno va fatta in autunno-inverno. La semina in primavera.


L'agricoltura come metafora della coltivazione della propria interiorità

Stando ai Misteri Eleusini l’agricoltura è parte integrante dei Misteri.

La coltivazione della terra è allo stesso tempo, simbolo e supporto per la coltivazione e l’affinamento della propria interiorità. In altri termini non si tratta solo di un simbolo, ma di una pratica estremamente concreta, ogni atto potendo essere il supporto di una elevazione interiore.

Nei Misteri Eleusini, fa la sua comparsa anche Dioniso, così come in quasi tutti gli altri culti greci, ma i misteri orfici, dionisiaci e eleusini appaiono ben distinti.

La vicenda da cui prendere spunto è la discesa di Kore-Persefone nel regno degli Inferi per via del rapimento di Plutone (che ricorda anche la simbologia della parola V.I.T.R.I.O.L che si usa in Massoneria).


Demetra, la madre, nelle sembianze di una vecchia, si diresse verso Eleusi e si sedette vicino al Pozzo delle Vergini (allusione simbolica ad un rito di purificazione).

Sotto false sembianze accetta l’invito di fungere da nutrice dell’ultimo figlio della regina Metanira. Entrò nel palazzo, si sedette su uno sgabello e restò a lungo silenziosa (allusione simbolica all’importanza rituale del silenzio mentale e verbale, come superamento del pensiero dialettico).

La dea non allattò Demofonte, figlio del re al quale faceva da nutrice, ma gli soffregò il corpo con l’ambrosia e durante la notte lo nascose nel fuoco “come un tizzone” (allusione simbolica alla potenza purificatrice del fuoco e ad un probabile rito di iniziazione che si svolgeva in presenza di un fuoco rituale).

Il bambino assomigliava sempre più ad un dio, ma questo processo di rigenerazione fu interrotto dalla regina Metanira che una notte scoprì il figlio tra le braci e prese a lamentarsi.

”Uomini ignoranti, insensati, che non sapete vedere il vostro destino di ventura o di sventura!” esclama allora la Dea. Demofonte non potrà più sfuggire al suo destino mortale.

L’epilogo del mito narra che Demetra, ritrova sua figlia Kore, grazie all’intervento di Zeus su Plutone, che riesce, però, ad introdurre nella bocca di Persefone un chicco di melograna e la costringe ad inghiottirlo; ciò determina il ritorno annuale di Kore, per quattro mesi, presso il suo sposo nell’Ade.

Demetra, dopo aver ritrovato sua figlia, acconsente a ritornare fra gli dèi e la terra si ricopre di vegetazione.


Lettura del mito come processo di elevazione dell'Uomo

Il mito può leggersi come allusione al destino mortale dell’uomo, ad un processo di elevazione interrotto, che può essere completato solo attraverso un percorso iniziatico, per coloro che sono idonei ad affrontarlo.

Esiste dunque un legame fra il ritrarsi dell’energia fecondatrice, la “morte del sole” fisico – che corrisponde alla nascita del sole interiore, quel “sole di mezzanotte” di cui parla Apuleio ne L’asino d’oro.


Simbologia creativa e della rigenerazione spirituale

La Natura si manifesta in Demetra, che si incarna sul piano materiale in Persefone, così da poter nutrire l'umanità nella sua qualità di dea seme.

Il culto del Cristo si fregerà del pane di Demetra e del vino di Dioniso come simboli della sopravvivenza spirituale.


L'energia creatrice viene rivolta verso la creazione interiore, rispetto a quella esteriore.

La donna incinta è sterile solo per il tempo che le serve a portare avanti la crescita del seme che sta facendo sviluppare dentro di se (allattamento compreso).

In questo periodo il suo ciclo ovulatorio si interrompe, così come la vegetazione in inverno rallenta il suo battito, ma questo non vuol dire che le energie non siano comunque impegnate in uno sforzo creativo.


Il simbolo: la Spiga

Il momento più importante del rituale eleusino era l’essere ammessi alla “contemplazione” della spiga di grano mietuta in silenzio.


« […] gli Ateniesi, nell’iniziazione di Eleusi, mostrano a coloro che sono ammessi al grado supremo epopteuosi il grande e mirabile e perfettissimo mistero mystêrion visionario di là: la spiga di grano mietuta in silenzio. Lo ierofante in persona … che si è reso impotente con la cicuta e si è staccato da ogni generazione carnale, di notte a Eleusi, in mezzo alla luce delle fiaccole, nel compiere il rituale dei grandi e ineffabili misteri, grida e urla proclamando: ‘Brimò Signora ha generato il sacro fanciullo Brimós!’ »[10]


Il viaggio della spiga ha la sua perfetta corrispondenza nel ciclo astrologico stagionale:

  • il germoglio nato in febbraio, si fa audace a Marzo, nella Casa dell'Io, ma anche della Primavera e dello spirito irruento e adolescente dell'Ariete il cui unico desiderio è quello di brillare nel sole del Leone.
  • Nel momento in cui la spiga raggiunge il suo massimo splendore viene mietuta e accolta nella VI casa, nel grembo della Vergine dedita al servizio per gli altri, sotto l’influsso del riflessivo Mercurio.
  • Poiché la spiga morendo dona nuovi semi, (future spighe), allo stesso modo l’essere umano uscendo dalla fase dell’Io-Ego accede alla VII casa, quella delle relazioni con l'altro, la casa della Bilancia, dell'Autunno e della Nuova Semina.

Il simbolo: la Melagrana

Alla fine del mito di Persefone si fa allusione al melograno.

Il suo frutto è simile nella forma all’utero materno, alle ovaie femminili, ma anche ai testicoli maschili; è simbolo di fertilità, sorellanza/fratellanza e solidarietà (di questo aspetto si veda anche la simbologia massonica.

Il suo significato è quindi anche quello di rinascita, data la sua comparsa in autunno.

Ciò ha fatto si che fosse considerato un cibo particolarmente gradito ai defunti, perché associato alla vita dopo la morte, così come si vede nelle raffigurazioni etrusche, nelle quale le libere donne etrusche ci guardano sontuosamente distese sui loro sarcofagi tenendo in una mano una melagrana e nell'altra un ventaglio a forma di palma, altro simbolo solare di resurrezione attribuito alla Dea Madre.

Il simbolo: il Sacro Fallo di Dioniso

Nei ritualità eleusina c’è anche la presenza del Sacro Fallo di Dioniso, mostrato agli iniziati nella Sacra Cesta di Demetra, così come visibile nella Villa dei Misteri di Pompei.

Tale simbolo rappresenta l'unione cosmica e prolifera della Yoni e del Lingam indiani, in forma greca, azioni riconducibile al miracolo della vita che si ripete.

Uno dei misteri eleusini era racchiuso proprio nella frase “Piovi, resta gravida”. Le leggi consuetudinarie degli Ateniesi infatti prescrivevano di celebrare le nozze prima per il cielo e per la terra: pure durante i riti di Eleusi alzando lo sguardo al cielo i partecipanti ai riti gridavano “Piovi” e abbassandolo a terra “Resta gravida”.

Citazioni dall'opera di Esiodo

Del testo Le Opere e i Giorni di Esiodo non si può prescindere dal considerare i riferimenti che il testo fa a Demetra, e quindi non si può prescindere dal considerare in esso i contenuti trasversali riferiti ai misteri eleusini.


L’AUTUNNO. Quando s'acquieta la forza del sole che brucia e della vampa che spreme il sudore, e manda le piogge autunnali Zeus possente, allora il corpo dell'uomo a muoversi è assai più leggero; in quel tempo la stella di Sirio per poco sopra le teste degli uomini nati alla morte si volge di giorno e prende della notte una parte maggiore; allora meglio resiste ai tarli la legna tagliata dal ferro: le sue fronde a terra riversa e cessano dal crescere i rami; è allora il momento di tagliarne i tronchi, memore dei lavori che la stagione richiede… Fatti due aratri, costruendoli in casa: uno d'un solo pezzo, l'altro commesso, perché così sarà molto meglio: se uno si rompe dietro ai buoi attaccherai l'altro... Sta' attento quando della gru la voce tu senti dall'alto, di fra le nubi, che il grido annuale ripete; ti porta il segno d'arare e la stagione d'inverno t'indica, piovosa; s'addolora il cuore di chi non ha buoi…E non appena il tempo della semina viene per gli uomini, affrettati allora…che sia secco o che piova, arando al tempo d'arare, di buon'ora sollecito perché ti s'empiano i campi; rivolta in primavera la terra; d'estate arata di nuovo non ti deluderà; semina il maggese quando ancora è leggera la terra; il maggese tiene i mali lontani e acquieta i bambini... Prega Zeus sotterraneo e la pura Demetra che quando è maturo rendan pesante di Demetra il sacro frumento, non appena incominci ad arare, quando l'estremità del manubrio tu impugni e il pungolo spingi nelle terga dei buoi che tirano la caviglia del giogo. Dietro, un piccolo schiavo, tenendo la zappa, procuri pena agli uccelli nascondendo profondamente il seme…


Il frumento per essere “sacro” è il risultato di operazioni particolari e precise; il seme va spinto in profondità.


Non fermarti presso il sedile del fabbro o nell’affollata galleria, quando nei giorni invernali, il freddo l'uomo dal lavoro distoglie; anche allora l'uomo solerte cura molto la casa; perché il rigore dell'inverno cattivo non ti sorprenda nella miseria, mentre con la mano magra il piede gonfio ti premi…l Mese di Leneone, con le suoi giorni cattivi, da scorticar buoi; da quello guárdati, e dalle gelate che sulla terra vengon, moleste, coi soffi di Borea…Quando, Zeus , dopo 60 giri del sole, ha portato a termine i lavori invernali, allora a costellazione di Arturo, abbandona il sacro corso di Oceano, tutto splendente si innalza al sorgere della sera; di séguito a lui la figlia di Pancione , la rondinella, col pianto suo mattutino, si lancia verso la luce, per annunciare la nascita della nuova primavera che sorge di nuovo per gli uomini; precedila allora e pota le viti; è la cosa migliore” [Primavera]. Ma quando la chiocciola della terra sale sui tronchi fuggendo le Pleiadi, allora non è più tempo di zappettare le viti, ma affila le falci ed esorta gli schiavi; fuggi gli ombrosi riposi e i sonni dell'alba, nella stagione di mietere, quando il sole secca la pelle.


Quando la rondinella si lancia verso la luce, dice il testo, bisogna “affilare le falci ed esortare gli schiavi”: è tempo della semina; gli “schiavi” son proprio tali, non passioni e pulsioni libere, ma assoggettate alla nostra ferma Volontà. Gli strumenti sono pronti.


Allora datti da fare e porta a casa il raccolto, al sorger dell'alba, affinché il vitto ti sia sufficiente. L'alba infatti si prende la terza parte del lavoro del giorno, l'alba fa procedere sulla via, fa progredire il lavoro, l'alba, che al suo apparire mette in cammino molti uomini, e su molti buoi pone il giogo…


C’è una divisione trinitaria: “l’alba si prende la terza parte del lavoro del giorno”. È un momento importante. È l’alba che fa procedere sulla via e prepara al raccolto dei frutti, di ciò che il seme, via via, produce.

In un giorno il momento più buio è proprio quello che precede l’alba.


Quando il cardo fiorisce e la cicala canora stando sull'albero l'acuto suo canto riversa fitto da sotto le ali, nella pesante stagione d'estate, allora più grasse sono le capre, il vino è migliore, le donne più ardenti, ma sono fiacchi gli uomini perché Sirio brucia la testa e i ginocchi e secco è il corpo per via della vampa (Estate). Ma allora è bello avere una roccia ombrosa e vino di Biblo e una focaccia col latte e latte di capra che più non allatta….e bere il nero vino sedendo all'ombra, saziato del tuo festino, la faccia volta incontro al veloce soffio di Zefiro; e d'una fonte che scorre perenne e pura tre parti d'acqua versare, la quarta di vino.


A prescindere dal contesto agrense, la più alta metafora del vino si ha con l’Ultima Cena.


Comanda agli schiavi che le sacre spighe di Demetra trebbino non appena appare la forza d'Orione, in luogo ben ventilato e su un'aia rotonda… Quando Orione e Sirio son giunti a mezzo del cielo, e Arturo può esser visto dall’ Aurora dalle dita di rosa, o Perse, allora tutti i grappoli cogli e portali in casa [Autunno]. Tienili al sole per dieci giorni e dieci notti; per cinque conservali all'ombra, al sesto versa nei vasi i doni di Dioniso giocondo. Poi, dopo che le Pleiadi e le Iadi e il forte Orione son tramontati, d'arare ricordati, è il momento opportuno, e che l'anno sia propizio ai tuoi campi.[11]


Ritorna l’autunno e un altro momento d’aratura, ma un ciclo è compiuto.


Scomparsa del culto

La distruzione del tempio di Demetra nel 396 d.C., ad opera dei visigoti, seguaci dell'Arianesimo e condotti da Alarico, sancì la definitiva interruzione delle celebrazioni.


Note

  1. Cf. Mylonas, 1961, p. 24. "Again, from legends we learn of the arrival of the Cult of Demeter at Eleusis in the fifteenth century [BC] --- an event that must of course have had a profound influence on the life and activities of the site"
  2. Mircea Eliade, Storia delle credenze e delle idee religiose, volume primo, ed. BUR, 2008, pag. 321.
  3. Wasson, R. Gordon, Ruck, Carl, Hofmann, A., The Road to Eleusis: Unveiling the Secret of the Mysteries. Harcourt, Brace, Jovanovich, 1978.
  4. McKenna, Terence. Food of the Gods: Search for the Original Tree of Knowledge. Bantam, January 1993. ISBN 0-553-37130-4.
  5. "Emanuele Trevi", Qualcosa di scritto. Ponte alle Grazie, 2013.
  6. Mircea Eliade, op. cit. pag. 321-322
  7. Seneca, Herc.fur., 364-366; Hippol., 105-107; cfr. anche Minucio Felice, Octavius, 22, 2, ecc.
  8. Mircea Eliade, Iniziazioni, riti, società segrete, ed. Gallimard, folio essais, pag. 240.
  9. Mircea Eliade, op. cit., pag. 241-242.
  10. Le Religioni dei Misteri, pp. 151-153, Frammento D61, IPPOLITO, Confutazione di tutte le eresie, V 8, 39-40.
  11. tutte le citazioni provengono da: ESIODO, Le Opere ed i Giorni, versi 382 – 617, 765 – 828.

Bibliografia

  • R. Gordon Wasson, Albert Hofmann, Carl A. P. Ruck, Alla scoperta dei misteri eleusini. Milano, Urrà - Apogeo Edizioni, 1996.
  • Fritz Graf, I culti misterici in (a cura di) Salvatore Settis, I Greci: storia, cultura, arte, società, Einaudi, Torino, 1997 (vol. II, tomo 2); ripubblicata anche come AA.VV. Storia Einaudi dei Greci e dei Romani, Ediz. de "Il Sole 24 Ore", Milano, 2008 (vedi il vol. 5°)
  • (a cura di) Paolo Scarpi, Le religioni dei misteri (vol. I: Eleusi, dionisismo, orfismo). Mondadori, 2002.
  • Victor Magnien, I Misteri di Eleusi. Edizioni di Ar, 1996.
  • Samorini G., L'uso di sostanze psicoattive nei Misteri Eleusini in F. D'Andria et al. (Eds.), Uomini, piante e animali nella dimensione del sacro, pp. 217-233, Bari, Edipuglia, 2008.
  • Apollodorus. Apollodorus: The Library, Sir James George Frazer (translator). Two volumes. Loeb Classical Library. Cambridge MA: Harvard University Press and London: William Heinemann Ltd. 1921. Vol. 1: ISBN 0-674-99135-4. Vol. 2: ISBN 0-674-99136-2.
  • Boardman, Griffin, and Murray. The Oxford History of the Classical World (Oxford University Press 1986). ISBN 978-0-19-872112-3.
  • Bowden, Hugh. Mystery Cults of the Ancient World (Princeton University Press; 2010) 256 pages; A study of the Mysteries of Eleusis and other cults of ancient Greece and Rome.
  • Brisson, Luc and Tihanyi, Catherine (2004). How Philosophers Saved Myths: Allegorical Interpretation and Classical Mythology. University of Chicago Press. ISBN 0-226-07535-4
  • Burkert, Walter, Ancient Mystery Cults, Harvard University Press, 1987.
  • Cicero. Laws II, xiv, 36.
  • Clinton, Kevin. "The Epidauria and the Arrival of Asclepius in Athens" in Ancient Greek Cult Practice from the Epigraphical Evidence. edited by R. Hägg, Stockholm, 1994. ISBN 91-7916-029-8.
  • Eugene Goblet d'Alviella, The mysteries of Eleusis : the secret rites and rituals of the classical Greek mystery tradition, 1903.
  • Greene, William C. "The Return of Persephone" in Classical Philology. University of Chicago Press 1946. pp. 105–106.
  • Kerényi Karl. Eleusis: Archetypal Image of Mother and Daughter, Princeton University Press, 1991. ISBN 0-691-01915-0.
  • Metzner, Ralph. "The Reunification of the Sacred and the natural", Eleusis Volume VIII, pp. 3–13 (1997).
  • McKenna, Terence. Food of the Gods: Search for the Original Tree of Knowledge. Bantam, January 1993. ISBN 0-553-37130-4.
  • Meyer, Marvin W. (1999). The Ancient Mysteries, a Sourcebook: Sacred Texts of the Mystery Religions of the Ancient Mediterranean World. University of Pennsylvania Press. ISBN 0-8122-1692-X
  • Moore, Clifford H. Religious Thought of the Greeks. (1916). Kessinger Publishing April, 2003. ISBN 0-7661-5130-1.
  • Mylonas, George Emmanuel. Eleusis and the Eleusinian Mysteries. Princeton University Press 1961.
  • Nilsson, Martin P. Greek Popular Religion 1940.
  • Rassias, Vlasis. Demolish Them. (in Greek) Athens, 2000. (2nd edition) ISBN 960-7748-20-4.
  • Riu, Xavier. Dionysism and Comedy, (1999), Rowman & Littlefield Publishers, Inc.; Reprint edition (March 2002). ISBN 0-8476-9442-9. Cf. p. 107 for a discussion of Dionysus and his role in the Eleusinian Mysteries.
  • Rohde, Erwin. Psyche: The Cult of Souls and the Belief in Immortality among the Greeks. trans. from the 8th edn. by W. B. Hillis, Routledge & Kegan Paul, 1925; reprinted by Routledge, 2000. cf. Chapter 6, "The Eleusinian Mysteries".
  • Shulgin, Alexander, Ann Shulgin. TiHKAL. Transform Press, 1997.
  • Smith, William, A New Classical Dictionary of Greek and Roman Biography, Mythology and Geography Vol. II. Kessinger Publishing, LLC 2006. ISBN 1-4286-4561-6.
  • Smith, William. A Dictionary of Greek and Roman Antiquities. London, 1875.
  • Taylor, Thomas, The Eleusinian and Bacchic Mysteries: a dissertation. Amsterdam [i.e. London] [c.1790], later editions, edited, and reprinted variously. (Fourth Edition, 1891)
  • Tripolitis, Antonia. Religions of the Hellenistic-Roman Age. Wm. B. Eerdmans Publishing Company, November 2001. ISBN 0-8028-4913-X.
  • Vaughn, Steck. Demeter and Persephone. Steck Vaughn Publishing, June 1994. ISBN 978-0-8114-3362-4.
  • Wasson, R, Ruck, C., Hofmann, A., The Road to Eleusis: Unveiling the Secret of the Mysteries. Harcourt, Brace, Jovanovich, 1978. ISBN 0-15-177872-8.
  • Willoughby, Harold R. The Greater Mysteries at Eleusis, Ch. 2 of Pagan Regeneration: A Study of Mystery Initiations in the Graeco-Roman World, 2003, Kessinger Publishing, ISBN 0-7661-8083-2. Broad excerpts can be browsed online.


Voci correlate

Collegamenti esterni

Errore nella creazione della miniatura:
libgomp: Thread creation failed: Resource temporarily unavailable
Portale Religioni