Spandakārikā

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Spandakārikā
AutoreVasugupta o Bhaṭṭa Kallaṭa
1ª ed. originaleVIII secolo o IX secolo
Generefilosofia, religione
Lingua originaleErrore Lua in Modulo:String alla linea 892: attempt to call local 'str' (a table value).

La (o anche 'le') Spandakārikā è un'opera religioso-filosofica dello shivaismo kashmiro, attribuita a Vasugupta (VIII-IX sec. CE), o più probabilmente a un discepolo di costui, Bhaṭṭa Kallaṭa (IX sec. CE), fondamentale nella scuola kashmira dello Spanda.[1]

Generalità

Il termine spanda deriva dalla radice «spand-», "vibrare", e si può pertanto tradurre con "vibrazione".[2] Qui il termine può essere inteso come "energia vibrante", con riferimento alla realtà oggettiva nella sua natura essenzialmente dinamica, pulsante, così come quest'ultima è intesa nell'opera stessa.[1] Kārikā sta per strofa, ed è suffisso adoperato nelle opere sanscrite in versi, a volte sintesi di opere più ampie: il titolo può pertanto essere reso come "Le strofe dell'energia vibrante".

Quest'opera, insieme agli Śivasūtra del filosofo kashmiro Vasugupta, è alla base della scuola religioso-filosofica detta appunto Spanda, sorta nel Kashmir intorno all'VIII secolo.[1]

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Spanda.

Secondo questa scuola, oggi estinta, la realtà oggettiva, Coscienza di Śiva, è in perenne movimento, tutto è vibrazione, manifestazione del "gioco" eterno e sovrano del Dio. L'opera, nel descrivere come ciò avvenga, guida l'adepto a riconoscere questa energia, manifestazione divina quindi; a concepire la realtà stessa, in tutti i suoi aspetti, in termini di energia dotata di coscienza.[1]

L'opera

« Colui che ha conseguito questo stato di coscienza, vedendo il mondo intero come gioco, ininterrottamente compenetrato con la suprema realtà, è senza dubbio un liberato in vita. »
(Spandakārikā, II.5; citato in Śivasūtravimarśinī, commento a Śivasūtra I.16; in Vasugupta, 1999, p. 75)

I commenti

Il filosofo Kṣemarāja, vissuto più di un secolo dopo Vasugupta, commentò due volte le Spandakārikā, con lo Spandanirṇaya prima e lo Spandasaṃdoha poi. Oltre questi, esistono diversi altri commenti, tra i quali: lo Spandapradīpikā di Bhagavadutpala, lo Spandaviṛtti di Bhaṭṭa Kallaṭa, lo Spandavivṛti di Rāyānaka Rāma.[3]

Note

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 Torella, nell'introduzione a Vasugupta, 1999.
  2. Lilian Silburn, La kuṇḍalinī o l'energia del profondo, trad. di Francesco Sferra, Adelphi, 1997, pp. 27-28.
  3. Mark S. G. Dyczkowski, The Stanzas on Vibration: The Spandakārikā with Four Commentaries, State University of New York Press, 1992.

Bibliografia