Sulle sostanze curative

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Sulle sostanze curative
Autore Helena Roerich
Argomento Agni Yoga
Argomento Medicina naturale
Fonte: http://www.esonet.org


Sostanze odorose

Nel libro "Cinque Anni di Teosofia" c'è un articolo eccellente di un medico, L. Salzer, intitolato "Odorigen and Jiva" che parla del significato e del ruolo dell'odore.

Certo, nella maggior parte delle farmacopee ci troviamo spesso di fronte ad affermazioni come: "La sua azione è simile a quella degli olii volatili". Dobbiamo dire che questa asserzione è sommamente scorretta, perché ogni sostanza aromatica ha la sua specifica influenza, ma queste caratteristiche non sono state ancora studiate seriamente. In futuro i cosiddetti olii volatili, e le proprietà peculiari di certe piante, saranno considerati molto significativi. Ma finora ciò non si è ancora realizzato ed articoli come "Odorigen and Jiva" sono come delle indicazioni per il futuro. Cito da quell'articolo:

"Il fatto che queste sostanze odorose non siano affatto inattive, può essere dedotto dalla loro grande volatilità e come sappiamo dalla scienza fisica, la volatilità è dovuta ad uno stato di attività atomica. Prevost ha descritto due fenomeni associati alle sostanze odorose.

Primo, se poste in acqua iniziano a muoversi; secondo, uno strato sottile di acqua, posto su una superficie perfettamente pulita di vetro, si ritrae quando viene posta sopra una sostanza odorifera come la canfora.

Ligeois ha inoltre mostrato come le particelle di un corpo odoroso, posto in acqua, subiscono una rapida suddivisione, e che i movimenti della canfora o dell'acido benzoico, sono rallentati o del tutto inibiti se una sostanza odorosa è portata a contatto dell'acqua in cui si muovono. Vedendo poi che le sostanze odorifere, poste a contatto con i liquidi, assumono un moto particolare ed allo stesso tempo impartiscono moto al liquido, possiamo concludere con convinzione, che la specifica capacità formativa del protoplasma non sta nel protoplasma in sé stesso, perché esso è uguale dappertutto, ma alle specifiche sostanze odorifere in esso contenute."

È anche utile la seguente informazione: gli antichi parlavano della Scienza delle "Caratteristiche o Segnature".

L'uomo, conoscendo le caratteristiche (forma, specie e odore) di una pianta, poteva applicare la sua conoscenza per uso medico o di altro tipo "senza necessità di sperimentazioni alla cieca o scoperte fortuite". Lo stesso vale per i regni minerale ed animale.

Ciò è denominato "Scienza delle Corrispondenze". Poiché tutto in natura è costruito in accordo ad un certo piano, un esploratore dalla mente aperta può scoprire queste "corrispondenze" in tutto. Paracelso capiva questa scienza ed i suoi miracoli erano il risultato dell'applicazione di questi principi. L'astrologia è il primo passo nel dominio di questa scienza.

Resine ed Olii

La resina di cedro ed altre resine o catrami, come l'eucalipto, sono i prodotti dell'energia psichica degli alberi e pertanto sono estremamente benefiche per rafforzare, guarire, purificare ecc.

L'olio di artemisia, ad esempio, è benefico per le ghiandole ingrossate.

La resina migliore proviene dai cedri della Siberia. Se purificate, le resine o gli olii possono venire presi internamente. Dose: cinque o più gocce. Tutto è molto individuale.

Le emanazioni dei pini sono naturalmente insostituibili. I pini, come macchine elettriche accumulano forze vitali, un rifornimento condensato di prana o naturovaloris.

I Druidi consideravano un calice di essenza di pino come un calice di vita. È sempre benefico avere nelle stanze piccoli alberi di pino oppure aspergere con essenza di pino. In questo modo l'atmosfera viene purificata e le entità indesiderabili, così numerose attorno alle emanazioni umane, scacciate via.

Uso della Menta

Anche l'essenza di menta piperita è molto adatta per questo uso; sia spruzzata nell'aria o posta in acqua bollente per evaporazione. Una tazza di acqua così preparata dovrebbe essere posta vicino al letto.

Tutti i tipi di menta possono essere usati sia esternamente che internamente. In India, ove esistono molte malattie intestinali, l'essenza di menta è largamente usata. L'essenza di menta combinata con la magnesia, è di giovamento durante l'infiammazione dei centri e rappresenta in assoluto uno dei migliori rimedi.

Il tè alla menta è decisamente un ottimo disinfettante, ed in alcuni tipi di asma è estremamente giovevole inalare il vapore emanato dalla menta. Le entità dei livelli inferiori del Mondo Sottile non amano l'odore della menta, è quindi utile tenerla in casa come pianta.

Durante i mesi estivi non resto mai senza mentolo, che strofino in grandi quantità sull'intero viso e dietro al capo, perché non sopporto il caldo neppure in alta montagna.

Olio di Eucalipto ed Ossessioni

Tutti i casi di ossessione possono essere curati dal potere dell'energia psichica in contatto con il Potere dell'Ego Superiore. Certamente, mezzi ausiliari, quali musiche sublimi, aromi meravigliosi, atmosfera pura ed il colore della stanza - tutte cose che dovrebbero armonizzarsi con le predilezioni del paziente - giovano moltissimo. Durante la notte, è opportuno tenere vicino al letto un recipiente di acqua calda contenente poche gocce di olio di eucalipto, questo è utile anche durante il giorno.

Il Muschio

Il muschio è il deposito di un'energia psichica inconscia, della quale molto viene detto nei libri dell'Agni Yoga.

Il muschio non ha nulla a che fare con i narcotici, che uccidono l'intelletto. Non è un semplice stimolante nel pieno senso della parola. Equilibra il sistema nervoso; regola il sistema nervoso simpatico che vibra così fortemente negli Yogi avanzati.

È anche vero che mentre si prende il muschio il bisogno di cibo diminuisce, perché l'energia psichica, rafforzando il sistema nervoso, nutre anche il corpo fisico. Dose: una pallina di media o piccola dimensione una volta al giorno.

È difficile trovare un sostituto per il muschio. Forse la cosa più vicina è il castoreum e la spermina ... .

Il potere principale del muschio sta, per così dire, nel suo "laboratorio igneo", che intensifica le forze dei centri e quindi nutre gli organi più deboli col fuoco. Deve essere chiaro che l'organismo raffinato reagirà positivamente alla saturazione con l'elemento fuoco, invece a coloro ancora influenzati da attrazioni terrestri (fisiche) può capitare il contrario.

Ci possono essere segni temporanei di malattia, ma se in tali casi il muschio viene preso con regolarità queste strane reazioni possono essere prevenute. La proprietà ignea del muschio è il suo massimo potere. Deve anche essere chiaro che in un organismo igneo, l'effetto è ingrandito dai centri carichi di fuoco (risvegliati). Il potere dei centri "accesi" dovrebbe essere trattato con la massima cautela.

La trasmutazione dei centri, che rafforza così possentemente l'energia psichica, intensifica anche ogni tipo di reazione alle sostanze ignee! Perciò, parlando del muschio, dobbiamo notare la reazione interna che ogni sostanza ignea stimola. Perciò, la comprensione sottile porterà a metodi sottili; questo è il problema fondamentale nella realizzazione della trasmutazione ignea.

Poiché questo preparato a causa della sua insostituibilità e innocuità viene dato per uso generale, per mantenere l'equilibrio ed anche perché è un agente protettivo per molte malattie, cancro compreso, ci si dovrebbe procurare questa sostanza preziosa che oggi è molto più a buon mercato. Inoltre la maggior parte dei rimedi per il cuore, ad eccezione dello strofanto, depositano sedimenti dannosi e dopo un uso prolungato possono avvelenare l'organismo.

Il muschio, secondo tutte le fonti antiche, è correlato al Sole e non a Venere; è decisamente uno sbaglio affermare che il muschio appartiene alla categoria degli afrodisiaci. È vero invece, che la possente azione equilibrante di questo preparato rinnova tutte le normali attività dell'organismo, ma non deve essere considerato come uno stimolante sessuale. Anche se sappiamo che è proprio per l'odore delle secrezioni di muschio lasciate dai maschi sui cespugli e sulle rocce, che le femmine possono trovarli durante la stagione dell'accoppiamento, non ci dobbiamo scordare che ciò che negli animali intensifica un istinto, può negli uomini produrre un'azione coscientemente intensificata dei centri. E il muschio ha precisamente questa proprietà. Perciò è specialmente benefico per il lavoro mentale.

Le ricerche della medicina ayurvedica e tibetana indicano che il muschio viene usato come ingrediente in quasi tutte le medicine tibetane ed in molte di quelle indiane. È stato usato in India fin dai tempi più antichi. La medicina indiana si è sviluppata prima di quella araba.

Il muschio aumenta principalmente l'energia psichica, elevando così la vitalità di tutto l'organismo. L'energia psichica, essendo l'energia primaria, è il vero elisir di vita.

Il muschio nutre tutti i centri nervosi di energia ignea.

"Precipitazione di fuoco inconscio" è un'altra definizione per la stessa sostanza, l'energia psichica; perciò il muschio può essere considerato tale fuoco. "Il fosforo dello spirito" è un'altro nome per la stessa energia psichica. Ed è noto, che l'energia psichica è la più potente, la più penetrante, la più trasmutante energia, che protegge da tutte le malattie e da molte altre cose. Naturalmente agisce in questa maniera miracolosa solo quando è padroneggiata, o per lo meno realizzata, con coscienza. Ma perfino la precipitazione inconscia di questa sostanza è preziosissima.

Cervo Muschiato

Non si dovrebbe fare affidamento su tutti i tipi di muschio dei vari animali. Solamente il cervo muschiato mangia il cibo benefico che nel muschio produce la sostanza equilibrante.

Il muschio di zibetto non è tanto buono perché non contiene la sostanza equilibrante. Può eccitare, ma non rafforza. La secrezione del castoro è migliore, però non va bene per uso prolungato. Il muschio viene trovato anche nei galli in calore, ma non vale la pena di tentare di produrre la sostanza da questi perché ne hanno pochissima. La cosa migliore è l'allevamento del cervo muschiato.

Naturalmente tutti i tipi di muschio dovrebbero essere considerati solamente dal punto di vista medico. Per l'uso dell'industria cosmetica già è stato trovato un sostituto, il cosiddetto muskon. Possiamo sperare che, grazie a questa scoperta, non si giungerà all'estinzione totale di questo animale preziosissimo.

Significato ed uso della Soda

"È giusto che non dimentichiate il significato della soda. Non senza ragione è stata chiamata la cenere del Fuoco Divino. Appartiene a quei rimedi dati ampiamente e che sono stati mandati per il bene di tutta l'umanità. Ci si deve ricordare della soda non solo in malattia, ma anche in salute. Come legame con le azioni ignee, serve da scudo contro l'oscurità della distruzione. Ma si deve abituare il corpo gradualmente. Ogni giorno dovrebbe essere presa insieme ad acqua o latte e nel prenderla, per così dire, deve essere diretta verso i centri nervosi. Così si può acquisire immunità gradualmente."


Bicarbonato di soda due volte al giorno. Non vi è rimedio migliore per i dolori nella parte inferiore dell'addome del bicarbonato di soda. Previene ogni sorta di malattie, cancro incluso. Previene i dolori e i movimenti nel plesso solare. Per la gola secca e infiammata è utilissimo del latte tiepido (ma non bollito) con della soda. La dose usuale è un cucchiaino da caffè in un bicchiere.

Il bicarbonato di soda, anche chiamato "cenere sacra", è assolutamente necessario durante una conflagrazione dei centri. Scarica le energie ignee e previene il fuoco consumatore. La soda è insostituibile in molti casi di infiammazione ed aiuta a prevenirli.

Il presente estratto evidenzia che già nei libri sacri VEDA degli indiani (indù dell’India) il cancro veniva curato con i "carbonati"

File:Veda0.jpg File:Veda1.jpg File:Veda2.jpg File:Veda3.jpg File:Veda4.jpg File:Veda5.jpg

La Valeriana

La valeriana sta nella categoria dei "datori di vita" ed il suo significato è equivalente al significato del sangue nel corpo. Occultamente la valeriana viene considerata come il sangue del regno vegetale. Dovrebbe essere presa in modo continuo come cibo giornaliero.

Può essere presa sotto forma di tintura, fatta con l'alcool, ma senz'altro senza mescolarla con altri additivi come l'etere. Dose: da dieci a quarantacinque gocce. Ma la cosa migliore di tutte è l'infuso di radici di valeriana in acqua, una o due volte al giorno.

Fonti

Voci correlate