Verità di ragione

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.

Le verità di ragione sono, nella filosofia di Leibniz, le proposizioni elementari e universali, individuate mediante l'uso di quella ragione comune a tutti a gli uomini, caratterizzate dall'essere definite in base al principio di identità e non contraddizione.

« Le verità di ragione sono necessarie e il loro opposto è impossibile. [...]

Quando una verità è necessaria, se ne può trovare la ragione mediante l'analisi, risolvendola in idee e in verità più semplici, fino a pervenire a quelle primitive. »

La proposizione "il triangolo ha tre lati" è una proposizione necessaria, essa è quindi una verità di ragione. Si distingue dalle verità di fatto (ad es. "Cesare passò il Rubicone") in quanto non concerne la realtà. Più specificamente le verità di ragione non incrementano la conoscenza umana dal momento che il predicato delle proposizioni è interamente contenuto nel soggetto. Dire che sono necessarie, sta a significare che risultano fondate sul principio di identità e non contraddizione e che non possono derivare dall'esperienza.

Voci correlate

Filosofia Portale Filosofia: accedi alle voci di Esopedia che trattano di filosofia