Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Yoga

Da Esopedia, l'Enciclopedia dell'[[Ordine Martinista Antico e Tradizionale|O.M.A.T.]] per gli Iniziati.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Yoga (disambigua).
Lahiri Mahasaya (1828-1895) maestro di yoga del XIX secolo. Da notare lo yajñopavītam, il cordoncino composto da tre fili di cotone bianco uniti indossati sopra la spalla sinistra[1],i quali lo indicano come un brahmano.

Con il sostantivo maschile sanscrito Yoga (devanāgarī: योग, in lingua italiana adattato anche in ioga) nella terminologia delle religioni originarie dell'India si indicano le pratiche ascetiche e meditative[2].

Tale termine sanscrito, con significato analogo, viene utilizzato anche in ambito buddhista e giainista. Come termine collegato alle darśana, yoga-darśana (dottrina dello yoga) rappresenta una delle sei darśana, ovvero uno dei "sistemi ortodossi della filosofia religiosa" induista.

Origine e significato del termine

Il termine yoga si riscontra già nel più antico dei Veda, il Ṛgveda, con il significato di "unire", "attaccare", "imbrigliare". Altri termini sanscriti simili sono yuj (verbo) con il significato di "unire" o "legare", "aggiogare"; yúj (aggettivo) "aggiogato", "unito a", "trainato da"; yugá (sostantivo) ossia il giogo che si fissa sul collo dei buoi per attaccarli all’aratro. Mircea Eliade (1907-1986)[3] lo riferisce alla radice yuj con il significato di "unire", da cui anche il latino iungere e iugum. Ananda Coomaraswamy (1877-1947) ricorda in tal senso il brano del Ṛgveda dove viene indicato che l'uomo deve:

« aggiogare sé stesso come un cavallo disposto ad obbedire »
(Ṛgveda V,46,1 cit. in Ananda Kentish Coomaraswamy. Induismo e Buddhismo. Milano, Rusconi, 1973, pag. 76)

Da qui il significato, posteriore, di yoga come insieme di tecniche anche meditative aventi come scopo l' "unione" con la Realtà ultima e tesa ad "aggiogare", "controllare", "governare" i "sensi" (indriya) e i vissuti da parte della coscienza (buddhi).

Nella sua accezione religiosa e filosofico religiosa, il termine sanscrito yoga è così reso nelle altre lingue asiatiche:

La dottrina dello yoga nelle Upaniṣad

Se dunque nei Veda, segnatamente nella Ṛgveda Saṃhitā, termini correlati al termine yoga hanno il compito di suggerire agli uomini di "imbrigliare" i proprio pensieri e i propri vissuti per dedicarli con talento alle attività religiose e spirituali[4] nelle tarde Upaniṣad vediche tale termine inizia ad avere dei significati più precisi e tecnici.

Così, ad esempio la Kaṭha Upaniṣad (collegata al Kṛṣṇa Yajurveda):

« Il saggio, grazie allo yoga individuale (adhyātma yoga), avendo contemplato la divinità difficile da percepire, penetrando nel mistero posto nell'intimo, nel primordiale, abbandona ogni piacere ed ogni dolore. »
(Kaṭha Upaniṣad II, 12)

Mentre l'ancora più tarda Maitrī Upaniṣad o (Maitrāyaṇīa Upaniṣad collegata al Kṛṣṇa Yajurveda) entra ulteriormente nell'aspetto descrittivo[5]:

« Si dice anche altrove: 'Colui che ha i sensi assorti come in un sonno profondo, vede mediante il pensiero più puro (śuddhitamayā dhiyā), come in un sogno, nella caverna dei sensi, ma non soggetto al loro potere, [l'intimo movente,] chiamato oṃ, che ha la luce come forma, che è libero da sonno, da vecchiaia, da morte, da dolore. Egli stesso, chiamato oṃ, diventa lui pure l'intimo movente, libero da sonno, da vecchiaia, da morte, da dolore'. Così dice [la śruti]: 'Per il fatto che egli unifica (ekadhā yunakti:congiungere) al prāṇa e all' oṃ tutto [il molteplice], e [per il fatto che essi] vengono congiunti (yuñjate), si denomina questo [atto] congiunzione (yoga) suprema'. L'unità del prāṇa e della mente, nonché dei sensi, e la rinuncia a tutte le condizioni [di esistenza], ecco ciò che si considera come unione (yoga) »
(Maitrī Upaniṣad VI,25. Traduzione di Pio Filippani Ronconi in Upaniṣad antiche e medie. Torino, Boringhieri, 2007, pag.408)

Un passo simile è anche quello contenuto nella Śvetāśvatara Upaniṣad, il I:3, dove lo Yoga è posto in relazione alla śakti, la potenza divina immanente, ossia la capacità del Dio di creare, mutare e distruggere gli elementi del cosmo e il cosmo stesso.

La dottrina dello yoga nello Yogasūtra di Patañjali

La prima grande opera indiana che descrive e sistema le tecniche dello Yoga è lo Yoga Sūtra ("Aforismi sullo Yoga"), redatto da Patañjali (II sec. a.e.v.), che raccoglie 196 sūtra. È da dire che la tradizione indiana identifica l'autore con l'omonimo grammatico vissuto all'incirca nel I secolo a.e.v.

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Yoga Sūtra.

Gli otto stadi dello Yoga

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Raja Yoga.

Patanjali indica al praticante otto arti (come gli arti o parti di un corpo) dello Yoga, cioè otto possibilità per raggiungere l'unione con il Paramatma.

Yama

Con Yama si intendono i "comandamenti morali universali", o astensioni. Sono i cinque "freni" su cui si fonda l'etica dello Yoga:

  • Ahimsa: non-violenza, astensione dall'infliggere a qualsiasi essere vivente qualunque tipo di male, sia esso fisico, psicologico, ecc.;
  • Sathya: verità, aderenza al vero, sincerità (soprattutto con se stessi);
  • Asteya: onestà, astensione dalla cupidigia, liberazione dall'avidità;
  • Brahmacharya: castità (intesa soprattutto come purezza morale e sentimentale);
  • Aparigraha: distacco, non-attaccamento, astensione dalla bramosia del possedere.

Niyama

Con Niyama si intendono le regole dell'autopurificazione.

  • Saucha: pulizia, salute fisica, purezza;
  • Santosa: appagamento, felicità della mente, l'accontentarsi;
  • Tapas: ardore, fervore nel lavoro, desiderio ardente di evoluzione spirituale;
  • Svadhyaya: studio di se stessi, ricerca interiore;
  • Ishvara Pranidhana: abbandonarsi alla Divinità, la resa al Signore di tutte le nostre azioni.

Asana

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Asana.

Gli āsana (in sanscrito आसन) sono posizioni o posture utilizzate in alcune forme di yoga, in particolare nello Hatha Yoga. La funzione degli asana è direttamente collegata alla fisiologia indiana, fondata sul sistema sottile. Secondo tale sistema, attraverso l'assunzione di diverse posizioni del corpo, il praticante diviene in grado di purificare i canali energetici (nadi), incanalare l'energia verso specifici punti del corpo ed ottenere così un notevole beneficio psicofisico.

Gli asana conosciuti sono alcune migliaia; ciascuno di essi porta un nome derivato dalla natura (soprattutto animali), o dalla mitologia induista.

Pranayama

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Pranayama.

Il Pranayama (letteralmente significa controllo delle correnti praniche) è il quarto stadio dello Yoga, secondo lo Yogasutra di Patañjali. Insieme a Pratyahara (ritiro della mente dagli oggetti dei sensi), questi due stati dello Yoga sono conosciuti come le ricerche interiori (antaranga sadhana) ed insegnano come controllare il prana per mezzo della respirazione e della mente, quale via per liberare i sensi dalla schiavitù degli oggetti di desiderio. La parola Pranayama è formata da Prana (fiato, respiro, vita, energia, forza) e da Ayama (lunghezza, controllo, espansione). Il suo significato indica quindi il controllo del prana (energia vitale) per mezzo del respiro.

Pratyahara

Per Pratyahara si intende l'emancipazione della mente, il suo ritiro dagli oggetti dei sensi. La ritrazione dei sensi si ottiene distaccando l'attenzione dall'ambiente esterno dirigendola verso l'interno così come la tartaruga ritrae gli arti e la testa nel carapace. Il canto di un mantra e la pratica NYM sono tecniche che portano allo stato Prathyahara.

Dharana

Il termine Dharana indica la capacità di concentrazione, diventare tutt'uno con quello che si sta facendo, con un oggetto esterno o interno. Requisito indispensabile per i passi successivi.

Dhyana

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Dhyana.

Dhyāna è un termine sanscrito che letteralmente significa meditazione. Dalla traslitterazione della parola Dhyāna nell'ambito delle Filosofie orientali derivano i termini Chan, in cinese e Zen, in giapponese.

Samadhi

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Samādhi.

Per Samadhi si intende uno stato di coscienza superiore: è l'unione con Paramatma, l'unione del meditante con l'oggetto meditato, l'unione dell'anima individuale con l'Anima universale. Si può individuare con uno stato d'essere equilibrato, raggiungimento del benessere totale, tramite un percorso che porta ad uno stato di profonda realizzazione.

La fisiologia indiana

Exquisite-kfind.pngLo stesso argomento in dettaglio: Chakra, Nadi e Kundalini.
Yogi con sei chakra, India, Punjab Hills, Kangra, late 1700s National Museum.

Le tecniche insegnate dallo yoga si fondano sulla fisiologia indiana secondo la quale il corpo umano è attraversato da canali energetici, le nadi, nei quali scorre il prana, l'energia universale. Le nadi sono oltre 40.000 (forse 72.000) ed irradiano tutto il corpo dell'energia dell'universo, i tre canali più importanti sono ida, pingala e sushuma che scorrono intorno alla colonna vertebrale incrociandosi in alcuni punti.

Alcuni tipi di Yoga classico

Altri tipi di Yoga

Alcuni testi classici

Note

  1. Cfr. Manusmṛti III, 44.
  2. « In Indian religion the term yoga serves, in general, to designate any ascetic technique and any method of meditation. »
    (Mircea Eliade. Encyclopedia of Religion. NY, MacMillan, (1988), 2005, vol.14 pag. 9893)
  3. Lo Yoga. Immortalità e libertà. Milano, Rizzoli, 1997, pag.20.
  4. Cfr. anche, ad esempio,
    « Imbriglia i santi pensieri, imbriglia lo spirito dei tuoi sacerdoti con la maestria degli inni o Alto sacerdote. Egli solo conosce le opere assegnando i compiti ai sacerdoti. Sia alta la lode al deva Savitṛ »
    (Ṛgveda Saṃhitā V, 81,1)
  5. Da ricordare l'avvertenza di Carlo Della Casa il quale menzionando J.A.B. Van Buitenen (The Maitrāyaṇīa Upaniṣad Gravenhange, 1962) nota che questo testo ha subito numerosi rimaneggiamenti e interpolazioni.

Bibliografia

Testi di approfondimento

Voci correlate

Video sullo Yoga

450
450


450
450